Chi è Sara Croce, Madre Natura di Ciao Darwin 2019 del 19 aprile?

Qual è la vera identità di Madre Natura della puntata di Ciao Darwin andata in onda su Canale 5 venerdì 19 aprile 2019 con Paolo Bonolis e Luca Laurenti? Sara Vulinovic: ecco svelato il nome della modella che in questo appuntamento ha scelto i concorrenti che hanno poi dovuto sottoporsi alle prove del programma. Conosciamola meglio!

Qual è la vera identità di Madre Natura della puntata di Ciao Darwin andata in onda su Canale 5 venerdì 19 aprile 2019 con Paolo Bonolis e Luca Laurenti?

Questa volta la Madre Natura è tutta italiana e si chiama Sara Croce (dopo aver visto la scorsa settimana Sara Vulinovic la modella nata in Croazia e che lavora in Italia da oltre dieci anni, da quando è stata assunta da Mp Management, che l’ha lanciata a tutti gli effetti nel mondo del model fitness).

La modella ha solo 21 anni ed è originaria di Garlasco (Pavia). È arrivata quarta al concorso di Miss Italia nel 2017 ed è stata sulle copertine di riviste come Donna Moderna. Ma è soprattutto conosciuta per essere stata immortalata come Eva Kant nelle tavole e nei disegni originali di Enzo Facciolo per i 55 anni di Diabolik.

Il parametro è fondamentalmente la bellezza. Ci sono varie nazionalità perché abbiamo cercato ovunque in giro per l’Europa e per il mondo, infatti avremo anche, ad esempio, un Padre Natura che arriverà direttamente dal Brasile”, ha detto Sonia Bruganelli in merito alla scelta di Madre Natura.

In questo appuntamento le categorie che si si sono sfidate a colpi di prove per fissare i caratteri dominanti del Terzo Millennio sono stati Davide contro Golia.

La squadra di Davide è stata caratterizzata da persone basse ed è stata capitanata da Fabio Basile, campione di judo nonché ex protagonista di Ballando con le Stelle ed ex concorrente della terza edizione del Grande Fratello Vip. Golia è stata invece la squadra di quelli alti e a guidarla c’è stato il pallavolista Luigi Mastrangelo, alto addirittura due metri.

La trasmissione nasce nel 1998 da un’idea di Paolo Bonolis e Stefano Magnaghi: far gareggiare due squadre che rappresentino due categorie umane antitetiche per scoprire quale delle due sia più forte e individuare i connotati e le caratteristiche dell’uomo e della donna del terzo millennio (gli Adamo ed Eva del futuro). Il successo è ancora tantissimo dopo oltre vent’anni dal debutto.

Eppure la prima puntata è partita in sordina, tuttavia nel corso degli anni Ciao Darwin ha conquistato sempre più successo. Il finale della sesta edizione sembrava sancire la chiusura definitiva del programma, con Bonolis che pronunciava la frase Acta est fabula.

Nell’estate 2012, invece, veniva comunicato che Bonolis avrebbe condotto la settima edizione del format, da realizzarsi nella primavera 2013, però inizialmente Mediaset ha cancellato la realizzazione dell’edizione per i suoi costi eccessivi. Il programma è riuscito a tornare in onda dopo sei anni, nella primavera 2016, con la settima edizione.